Pasqua

Iniziamo dal vangelo. Gesù sta vivendo gli ultimi momenti con i suoi discepoli. Li prepara alla dura prova attraverso cui egli passerà: ma che sconvolgerà anche le loro vite. E li consola: il dolore della separazione, il dramma della Passione lascerà però spazio alla gioia di saperlo per sempre vicino… Perché Gesù ha spalancato per noi l’orizzonte di una vita senza fine.

E questo sarà chiaro soprattutto quando sarà dato loro lo Spirito: la nuova modalità ... continua

Come domenica scorsa, il vangelo – molto ‘pasquale’ – sottolinea due temi: la morte e risurrezione di Gesù come “gloria” del Padre e del Figlio, e insieme il vero messaggio della vicenda terrena del Signore: un “comandamento nuovo” rispetto alla “Legge” antica, portata ora a pieno compimento: “che vi amiate gli uni gli altri”. Aggiungendo che sarà viverla la ‘autentica’ testimonianza di ogni discepolo futuro: “da questo tutti sapranno che siete miei discepoli ... continua

Giornata mondiale per le vocazioni

In linea con l’attenzione alla ‘vocazione’, le tre letture toccano un tema che, in realtà, riguarda tutti i cristiani, uomini e donne, di qualunque stato, ma certamente in modo specifico le vocazioni di particolare consacrazione, per le quali pregare il Signore perché, come dice Gesù stesso nel vangelo, “non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi”.

Le due prime letture riguardano tutte san Paolo e conducono a ... continua

Questa domenica sulla ‘scena’ sta “l’apostolo per chiamata” come lui stesso si nomina: Paolo. Che illustra la sua opera ‘missionaria’, “per annunciare il vangelo di Dio” nella lettera ai Romani, spiegando quanto avesse “desiderato ardentemente” giungere sino alla Capitale dell’Impero, al centro del mondo antico, per portare anche là il messaggio di Gesù. Ci riuscirà appunto, come bene ancora lui stesso spiega negli Atti degli Apostoli (cioè la storia della prima comunità cristiana) non ... continua

Una domenica importante: detta in Albis perché anticamente i catecumeni venivano introdotti nella comunità, deponendo le vesti bianche del battesimo pasquale. Giovanni Paolo II l’ha poi dedicata alla Divina Misericordia in onore di Faustina Kowalska.

Ancora nessuna lettura dell’Antico Testamento… Siamo nel tempo nuovo di Gesù… Iniziamo dal vangelo. Gesù si mostra nella sua nuova realtà e per due volte si mostra ai discepoli, ancora ben chiusi nel cenacolo “a porte chiuse”, e indica chiaramente come in ... continua

Siamo arrivati a Pasqua! Gesù è risorto e si apre dunque un nuovo tempo: quello della Chiesa. Le letture di oggi ce lo dicono in modo chiaro. Giovanni ci racconta l’incontro così particolare di Gesù e Maria. Un Gesù speciale, vivo eppure diverso. Capace comunque di un rapporto profondo, di ‘chiamarci’ per nome dandoci immediatamente un compito: andare ad annunciarlo vivo e presente nella nostra vita!

Interessante notare che non abbiamo più nessun brano dell’Antico Testamento: ... continua

La Veglia Pasquale viene celebrata a santa Croce Sabato 16 aprile alle ore 21.
La celebrazione viene trasmessa in diretta sul nostro canale YouTube.


La veglia pasquale è forse la liturgia che maggiormente lega il Cristianesimo alla tradizione ebraica. Per gli Ebrei, infatti, nostri “fratelli maggiori”, come li ha chiamati papa Giovanni Paolo II, ricordavano e celebravano 4 notti pasquali sacre, cioè 4 passaggi (‘pasqua’ vuol dire appunto passaggio): la prima notte del mondo, quando comparve la ... continua

Buona Pasqua

Carissimi amici di santa Croce, il cammino ci porta ad incontrare Gesù vivo in questo tempo di Pasqua. Nonostante i tanti crocifissi, nonostante i tanti orrori, nonostante le tante violenze che vediamo e sentiamo attorno a noi Gesù è vivo. E ci vuole donare la sua vita.

Auguro a ciascuno di voi di trovarlo nel momento conviviale che vivrete in questa Pasqua, nel volto di vostro marito o vostra moglie che oggi guardate con spirito nuovo, nel volto dei vostri ... continua

Viviamo con intensità il Giovedì Santo con la Missa in Coena Domini, il Venerdì con la Passione, e poi la Veglia della Pasqua di Risurrezione. E il Sabato Santo?

Dio mio, Dio mio, perché…?”. Gesù è morto, apparentemente abbandonato anche da Dio: giorno di smarrimento, dolore, silenzio. Silenzio di Dio. Assenza di Dio?   Vale la pena di farlo ‘vivere’.

I discepoli. Giuda ha tradito e, disperato, si è ucciso. Pietro ha rinnegato ... continua

La liturgia ambrosiana sospende la celebrazione dell’Eucaristia il Venerdì Santo per sottolineare il dolore della Chiesa nel ricordo della Passione e morte del Signore

Essa segue il lungo svolgersi del processo, della condanna e dell’esecuzione di Gesù, preceduta dalle antiche visioni profetiche di Isaia che la anticipano in modo sorprendente.   

Questa narrazione conduce al Calvario e a quel “legno della croce al quale è sospeso colui che è la salvezza del mondo”, come si canta accompagnando ... continua